Chi sono

/Chi sono
Chi sono 2018-12-09T15:11:07+00:00

Rita Salvadori nasce a Poggio Rusco, in provincia di Mantova, il 23 Maggio 1965.
Consegue il diploma di maturità presso il Liceo Linguistico privato “Oxford” di Mantova.
All’età di sedici anni, è già chiaro per Rita ciò che vorrà fare in futuro. In un tema svolto in quarta liceo, Rita esprime con chiarezza il suo desiderio:
“Il mio desiderio qual è? Poter comunicare con tante persone, trasmettendo loro infinite emozioni”.

Ha un sogno nel cassetto: diventare una scrittrice.

Si laurea in Materie Letterarie presso la Facoltà di Magistero di Ferrara il 4 Dicembre 1991 con il massimo dei voti.
Nei tre anni successivi, si trasferisce nelle Marche, dove, il 1° Dicembre 1994 consegue una seconda Laurea in Lingue e Letterature Straniere con il massimo dei voti e l’assegnazione di lode.

Rita continua ad avere quel sogno nel cassetto, ma è un cassetto che resterà ben chiuso ancora per molto tempo.

Dal 1995 al 1998, lavora come docente presso l’Unione Italiana Ciechi di Mantova, dove aiuta nello studio alcuni ragazzi con un forte deficit della vista. E’ un’esperienza toccante e significativa che le fa comprendere quanto sia importante l’insegnamento per lei e quanto non sempre guardare significhi “saper vedere”.

Dal 1998 al 2000 lavora presso la scuola media statale di Ghedi (Bs) come docente di sostegno. Esperienza che si rivelerà utilissima per l’impiego successivo.

Nel 2000 supera il concorso ordinario per l’insegnamento della Lingua Straniera Inglese nella scuola secondaria e viene trasferita in un Istituto Professionale di Crema.

Nel 2009, in qualità di docente di Lingua e Letteratura Straniera Inglese, viene trasferita al Liceo Artistico di Cremona, dove tutta la sua creatività si sposa finalmente con quella dei ragazzi. In questo nuovo contesto, Rita inizia a realizzare il suo sogno: creare un’opera d’arte che comprenda la scrittura, la recitazione, il ballo, la musica e la pittura.

Dal cassetto, il sogno inizia a bussare con sempre maggiore forza e insistenza .

Nel 2008 muore Luciano, il padre di Rita.
Da questo dolore immenso nasce la consapevolezza diamantina che oltre tutte le illusioni del mondo, esiste la verità unica dell’amore. E’ proprio da un atto d’amore verso se stessa e verso gli altri che Rita decide di aprire quel cassetto e iniziare a scrivere.

Nell’aprile 2010 viene pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Quando le ombre si fanno lunghe” , una riflessione poetica e delicata sulla vita, sulle cose e sulla gente. Un viaggio interiore attraverso il reame del cuore.

Ormai, il cassetto è aperto, e dal quel cassetto Rita ha estratto nel 2012 “La soffitta di zia Jole”, suo secondo romanzo, una narrazione poetica con una grande innovazione: la scrittura a colori.

Nel 2017, Rita pubblica “Il viaggio trasparente”, un altro romanzo a colori che invita il lettore ad entrare nella storia, lasciando la realtà ordinaria per intraprendere un viaggio spirituale e di consapevolezza.

Nel 2018, i suoi tre romanzi vengono pubblicati in una nuova edizione e tradotti in lingua inglese per essere distribuiti sul mercato internazionale.

Nel mese di dicembre dello stesso anno, esce la sua quarta opera, “Il Violino del Primo Papavero”, un “romanzofiaba”, come la stessa autrice ama definirlo. Una storia di musicisti itineranti che, guidati dal suono magico di un violino, vivono un’avventura emozionante e fiabesca.

Interviste e approfondimenti